14/09/2017

Comunicato Stampa: InDanza Trento 2017/18

 

La Stagione InDanza 2017/2018 promossa a Trento dal Centro Servizi Culturali S. Chiara si presenta come uno spaccato della contemporaneità e di visioni sul corpo. Più di ogni altra arte, oggi la danza racconta le relazioni fra persone, i cambiamenti della nostra società, le conquiste e i timori dell’essere umano. Così la stagione pensata da Lanfranco Cis attraversa tematiche attuali mantenendo fede all’impegno dell’eccellenza e della qualità. Grandi nomi della scena internazionale per un ventaglio di cifre stilistiche volte ad assecondare differenti gusti e a conquistare un pubblico di appassionati sempre crescente ed esigente.

Attesissimo il primo dei cinque spettacoli in calendario al Teatro “Sociale”, che andrà in scena martedì 31 ottobre. In prima nazionale, a ridosso del debutto mondiale al Sadler’s Wells di Londra, sarà presentato l’ultimo lavoro di Wayne McGregor per la sua compagnia: Autobiography. Dieci danzatori pronti a interpretare le ardite sperimentazioni del loro mentore, che per questa produzione ha scelto di lavorare intorno alla sequenza del suo genoma con l’ausilio di due scienziati. Per riscrivere la sua autobiografia danzata.

Seguirà martedì 28 novembre un appuntamento di flamenco rivolto non solo agli appassionarti di questo ballo, ma a tutti coloro che amano i grandi show d’effetto, con unisoni mozzafiato e intensità interpretativa. I sette fratelli che compongono Los Vivancos tornano in Italia con il loro ultimo successo planetario, Aeternum, firmato con Daniele Finzi Pasca, già creatore per il Cirque du Soleil e di Julie Hamelin, co-fondatrice di Cirque Eloize ospite del Teatro Sociale nella stagione 2001/2002.

Contagiosa e trascinante è la danza di Hans van Manen, massimo coreografo olandese che sa fondere il neoclassico con il contemporaneo, le linee nette e le punte con i balli di sala e le musiche pop. A Trento Introdans, la storica compagnia fondata nel 1971 ad Arnhem, celebrerà martedì 27 febbraio 2018 il suo ottantacinquesimo compleanno presentando Hooray for Hans!, un il trittico di lavori a sua firma.

Martedì 20 marzo, doppio appuntamento con la compagnia britannica Shechter II, compagnia giovanile creata nel 2015 dal coreografo israeliano residente a Londra Hofesh Shechter: un gruppo di talenti provenienti da tutto il mondo tra i 18 e i 25 che porteranno nel palco del Sociale uno dei lavori cult di Shechter Clowns (nato per il Nederlands Dans Theater I nel 2016) e una nuova creazione il cui contenuto è ancora segreto ma dove senz’altro il coreografo affermerà la sua cifra gestuale, energica e ‘aggressiva’.

Per la chiusura di stagione si tornerà invece in Italia con un’eccellenza nazionale: la compagnia catanese di Roberto Zappalà che sarà in scena venerdì 20 aprile con l’ultimo lavoro corale del suo fondatore ispirato al tema della bellezza: I am beautiful.

Sono previste tre formule di abbonamenti: InDANZA Trento per i cinque spettacoli in calendario al Teatro “Sociale” (da € 30 a € 100); InDANZA regionale con due spettacoli della Stagione di Trento -  Hooray for Hans! e Clowns + Nuova produzione di Shechtere due spettacoli in calendario a Bolzano: Lo Schiaccianoci coreografato da Amedeo Amodio e Catedral della “bailaora” flamenca Patricia Guerrero (da € 80 a € 40). Esiste anche un abbonamento InDANZA regionale a sette spettacoli comprendente i due titoli sopra citati della Stagione di Bolzano e i cinque spettacoli in calendario a Trento (da € 50 a € 140).

Rinnovi a partire da sabato 17 settembre e vendita dei nuovi abbonamenti da sabato 1 ottobre. Biglietti singoli in vendita da sabato 22 ottobre (da € 10 a € 25).

 

La DANZA VERTICALE al Teatro Sanbàpolis

 

Il fascino acrobatico della danza verticale troverà spazio anche quest'anno al Teatro Sanbàpolis di Trento che ospiterà un trittico di spettacoli  organizzato dal Centro Servizi Culturali S. Chiara in collaborazione con il CID – Centro Internazionale Danza di Rovereto e con il Festival Oriente Occidente.

Mutuando il titolo dalla canzone di George Brassens Auprès de mon arbre, il  primo appuntamento, in calendario venerdì 17 novembre, avrà per protagonista la  Compagnie Rêve de Singe, fondata e diretta da Fabien La Sala, che unisce nei suoi spettacoli le arti del circo e della danza-scalata. Auprès de mon arbre è un incontro sulla cima di un albero, un dialogo di corpi che si toccano, si sfiorano, si pongono in armoniosa relazione. Tre performer inscenano i loro movimenti su un albero e, utilizzando prese acrobatiche e tecniche di danza-scalata e di giocoleria, arrampicano, rimangono sospesi, scivolano, giocano. Mescolando naturale e soprannaturale, l’albero si trasforma e mostra i suoi diversi aspetti, svela i suoi segreti e la sua storia, con il passare delle stagioni. Di metallo e legno, quest’albero rappresenta il legame tra la natura e le articolazioni del corpo umano.

Sarà poi la volta, venerdì 2 febbraio 2018, del duo franco-catalano Daraomaï con TiraVoL, spettacolo che naviga tra forza e fragilità per trasportare il pubblico in un universo sospeso, ricco di emozioni. Al centro della scena, una struttura a prisma triangolare, un labirinto di ferro nel quale Agnes Fustagueras I Puig e David Soubies giocano ondeggiando, barcollando e volteggiando. TiraVoL è la storia di un viaggio, di un incontro; è un dialogo tra due culture, tra il lato nord e il lato sud di una sola montagna. Un inno alla diversità che si snoda tra illusione e realtà. Attraverso un autentico percorso iniziatico, i due artisti affrontano le forze sconosciute che sono dentro ciascuno di loro e, in questa ricerca di identità, mettono a confronto le proprie convinzioni e le proprie differenze.

La rassegna di danza verticale si concluderà venerdì 9 marzo con Ici-bas, un soggetto di Paul Canestraro portato in scena dalla compagnia Leve un peu les bras!. Lo spettacolo è un’esperienza di coabitazione in cui quattro interpreti utilizzano le loro capacità fisiche e artistiche per saltare, volare, arrampicarsi e condividere uno spazio tanto fisico quanto psicologico. Lo spazio chiuso li costringe a trovare nuove soluzioni dimensionali, nuove prospettive relazionali. Il vocabolario gestuale dello spettacolo si articola intorno ad attori specializzati in discipline diverse e lo spettacolo ci dà dimostrazione che la coesione ci rende più forti: uno slancio di energia e la possibilità di vivere insieme possono essere la fonte di una grande speranza.

 

Trento, 14 settembre 2017

 




Documenti





I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale. Ulteriori informazioni