LOADING...

LA PIU’ GRANDE TRAGEDIA DELL’UMANITÀ - Compagnia Malmadur


La più grande tragedia dell’umanità è un testo di Jacopo Giacomoni che costruisce un dispositivo performativo per permettere al pubblico di eleggere la più grande tragedia dell’umanità.

STRUTTURA
L’essenza del dispositivo è questa: il pubblico deve scegliere fra due tragedie; quella che viene votata come più grande rimane in gioco, l’altra viene scartata. Quella rimasta si confronta con una nuova tragedia; la più grande rimane, l’altra viene scartata. E così via. Si parte dalla perdita di un cellulare, si arriva a un amore tradito a un parente malato a un’epidemia a un genocidio a un paragone tra una strage vicina e una lontana, tra una recente e una passata, a una tragedia di cui è vittima anche un turista italiano alla vecchiaia all’esplosione del sole alla morte di un uomo solo in un paese di provincia a un cataclisma all’estinzione degli elefanti all’assenza di empatia.
Il pubblico, a ogni votazione, deve sempre portare avanti una tragedia e abbandonare l’altra.
In alcune votazioni il suffragio può cambiare: possono avere diritto di voto solo gli spettatori che hanno vissuto la tragedia esaminata, possono averlo solo gli spettatori che non l’hanno vissuta, possono votare solo tre spettatori, etc.
Non esiste una tragedia vincitrice a priori: sarà il giudizio insindacabile del pubblico a determinare l’esito dello spettacolo. La tragedia rimasta per ultima viene eletta la più grande tragedia dell’umanità. Al termine, il pubblico saprà quali tragedie sono state elette nelle repliche precedenti.

PARTECIPAZIONE E COMUNITÀ
Il pubblico è al centro non solo della performance, ma anche delle fasi di prove e di ricerca. Per la compagnia è essenziale lavorare in stretto contatto con le comunità sia per testare il meccanismo ludico-rituale della performance - il sistema di votazione e le modalità di rappresentazione del tragico - sia, soprattutto, per innescare un dialogo riguardo alle tematiche dello spettacolo: il tragico, la sua rappresentazione e il “mercato del dolore”.
Questo non vuole essere un freddo meccanismo violento imposto allo spettatore, ma un’occasione di incontro, di riflessione e, in ultima istanza, di catarsi. Per costruire un dispositivo performativo radicale è prima necessario costruire un luogo di condivisione empatico e accogliente.
Negli incontri, oltre a calibrare le regole del gioco, affronteremo insieme i limiti del racconto del dolore, del voyeurismo mediatico, e le possibilità che può schiudere il teatro come luogo partecipativo. Come cambiano queste tematiche a seconda della comunità coinvolta? Che peso hanno l’età, la provenienza e la diversa esposizione ai media contemporanei di fronte alla tragedia?

TEMATICHE
Il progetto ruota intorno a due temi: la spettacolarizzazione del dolore che viviamo quotidianamente su media e social network e la rappresentabilità del tragico: Come cambia la mia percezione del dolore a seconda dei mezzi espressivi usati per rappresentarlo?
Le tragedie da votare sono di volta in volta messe in scena dalla compagnia, che può rappresentarle solo attraverso determinati mezzi espressivi: si parte dalle scritte proiettate, si passa all’interpretazione dei performer, poi alla musica, alle immagini e infine al video.
Nel crescendo dello spettacolo gli strumenti espressivi si sommano tra loro così da arricchire e complicare la rappresentazione del dolore.
Come cambia il voto del pubblico a seconda dei mezzi che ho utilizzato per presentargli il fatto?
Il numero complessivo delle tragedie è sconosciuto agli spettatori e, a seconda del momento, queste sono presentate in un ordine stabilito o sono estratte a sorte. Quelle che non vengono messe in scena - le tragedie solo immaginate dagli spettatori - hanno lo stesso peso di quelle rappresentate.
Le tragedie coinvolgono eventi storici e piccoli fatti privati, grandi personaggi e gente sconosciuta, mostrano il legame sempre più stretto tra media e dolore, tra il fatto e i filtri attraverso cui siamo abituati a guardarlo. Il dispositivo non è statico, si evolve a seconda del luogo in cui viene messo in scena e del tempo che vivono gli spettatori. La percezione del tragico si modifica insieme ai drammi che attraversa la società, di conseguenza le tragedie in esame si modificano per essere in accordo col momento storico.
Quale tragedia rappresenta il muro contro cui far schiantare questo gioco perverso?


 

LA PIU’ GRANDE TRAGEDIA DELL’UMANITÀ

drammaturgia Jacopo Giacomoni
regia e performer Gaia Bautista e Jacopo Giacomoni
organizzazione Marco Tonino
comunicazione David Angeli
assistenza Chiara Uliana
produzione Malmadur
Partner Teatro Stabile di Bolzano, Centro Servizi Culturali S. Chiara di Trento
in collaborazione con Evoè!Teatro

testo finalista di NdN Network drammaturgia Nuova 2020

Progetto selezionato nel 2022 dal bando Piattaforma per la circuitazione dello spettacolo
professionale in Trentino- Alto Adige, promosso da Teatro Stabile di Bolzano, Centro Servizi Culturali S. Chiara, Coordinamento Teatrale Trentino

Informazioni utili

Ingresso € 3,00

Dove si svolge l'evento

Date spettacolo

Cerca uno spettacolo

Periodo

Teatri

Tematiche

Stagioni

Sono presenti 88 eventi

22

Febbraio, 2024

GIORGIA FUMO - Vita bassa

Teatro Auditorium Trento

22

Febbraio, 2024

19.00

La bohème

Teatro Sociale Trento

dettagli

sold out

22

Febbraio, 2024

20.30

PITECUS | Rezza Mastrella

Teatro SanbàPolis Trento

23

Febbraio, 2024

20.30

HYBRIS | Rezza Mastrella

Teatro SanbàPolis Trento

23

Febbraio, 2024

21.00

NEVERLAND - L’isola che non c'è - Il Musical

Teatro Auditorium Trento

24

Febbraio, 2024

21.00

BASEMENT Mall Grab + Zenker Brothers

Teatro SanbàPolis Trento

25

Febbraio, 2024

16.00

COLORS

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

25

Febbraio, 2024

20.30

HUMANS 2.0|C!rca

Teatro Auditorium Trento

26

Febbraio, 2024

21.00

Swans + Maria W Horn

Teatro Auditorium Trento

27

Febbraio, 2024

9.00 e 11.00

+ERBA

Teatro SanbàPolis Trento

Riservato alle scuole

27

Febbraio, 2024

20.30

L’ETERNO MARITO | Claudio Autelli

Teatro Benvenuto Cuminetti Trento

27

Febbraio, 2024

20.30

HUMANS 2.0 | Circa

Bolzano - Teatro Comunale

27

Febbraio, 2024

20.30

DE GASPERI: L’EUROPA BRUCIA

Teatro Sociale Trento

27

Febbraio, 2024

20.30

TRAPPOLA PER TOPI con ETTORE BASSI

Teatro Auditorium Trento

27

Febbraio, 2024

21.00

RISPET di Cecilia Bozza

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

28

Febbraio, 2024

20.30

DE GASPERI: L’EUROPA BRUCIA

Teatro Sociale Trento

28

Febbraio, 2024

20.30

TRAPPOLA PER TOPI con ETTORE BASSI

Teatro Auditorium Trento

29

Febbraio, 2024

20.30

LA MADRE

Teatro Sociale Trento

29

Febbraio, 2024

21.00

ELEAZARO - Grande figlio di p***a

Teatro Auditorium Trento

01

Marzo, 2024

17.30

Foyer del Teatro - LA MADRE

Teatro Sociale Trento

01

Marzo, 2024

20.30

LA MADRE

Teatro Sociale Trento

01

Marzo, 2024

21.00

MAX ANGIONI - Anche Meno

Teatro Auditorium Trento

dettagli

sold out

02

Marzo, 2024

18.00

LA MADRE

Teatro Sociale Trento

02

Marzo, 2024

21.00

MAX ANGIONI - Anche Meno

Teatro Auditorium Trento

dettagli

sold out

03

Marzo, 2024

9.15

Coccole di Fiati - Orchestra Haydn

Trento - Castello del Buonconsiglio

03

Marzo, 2024

11.00

Coccole di Fiati - Orchestra Haydn

Trento - Castello del Buonconsiglio

03

Marzo, 2024

16.00

PICCOLI PRINCIPI E PRINCIPESSE

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

03

Marzo, 2024

16.00

LA MADRE

Teatro Sociale Trento

03

Marzo, 2024

18.00

MARIO CAGOL - UNA NONNA DI TROPPO

Teatro Auditorium Trento

05

Marzo, 2024

10.00

LA RIVINCITA

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

Riservato alle scuole

05

Marzo, 2024

21.00

DREAM SCENARIO di Kristoffer Borgli

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

06

Marzo, 2024

20.30

Orchestra Haydn - Markus Stenz

Teatro Auditorium Trento

06

Marzo, 2024

21.00

APPINO - HUMANIZE CLUB TOUR 2024

Teatro SanbàPolis Trento

07

Marzo, 2024

18.00

San Vittore e Il popolo delle donne di YURI ANCARANI

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

Ultime news

Rimani aggiornato sulle nostre novità