LOADING...

News: ROMANZO D’INFANZIA

16 Luglio, 2020

Domenica 19 luglio, alle ore 21.30, il palco del Teatro Capovolto è pronto ad ospitare un grande evento di danza, che avrà come protagonista una fra le maggiori realtà artistiche del nostro territorio. All’interno della rassegna estiva del Centro Servizi Culturali S. Chiara, infatti, si esibirà la Compagnia Abbondanza/Bertoni – compagnia Regionale, riconosciuta dal Ministero -, che per l’occasione porterà in scena un evergreen come ROMANZO D’INFANZIA. Lo spettacolo è nato dal sodalizio artistico tra Bruno Stori (testo, regia e drammaturgia), Antonella Bertoni e Michele Abbondanza (coreografia e interpretazione) e Letizia Quintavalla (regia e drammaturgia): una importante autoproduzione in cui questi quattro artisti si sono uniti per dare vita ad un progetto nel quale le diverse discipline di ognuno confluiscono nell’unità dello spettacolo. “Romanzo d’Infanzia” è realizzato in coproduzione con Teatro Testoni Ragazzi, con il sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali, ed è accompagnato dalle musiche di Alessandro Nidi.

Creato nel 1997, “Romanzo d’Infanzia” è uno spettacolo di particolare intensità e poesia, pluripremiato (Premio Eti/Stregagatto 1997/1998) e acclamatissimo in Italia e all’estero da vent’anni. Basti pensare che ha all’attivo oltre 600 repliche, ed è stato tradotto e rappresentato in quattro lingue. Elementi, quest’ultimi, che gli hanno attribuito lo status di “spettacolo cult” della Compagnia Abbondanza/Bertoni. “Romanzo d’Infanzia” è dedicato a tutti coloro che non possono fare a meno dell’amore, e parla della relazione tra genitori e figli. Nata come creazione rivolta soprattutto ad un pubblico giovane, lo spettacolo commuove gli adulti e fa ridere i bambini. Un testo in cui, come osserva Valeria Crippa sulle pagine del Corriere della Sera, «la freschezza del duo Abbondanza/Bertoni riesce, senza trucchi né inganni, a sedurre gli adulti ipnotizzando i bambini». In scena, Antonella Bertoni e Michele Abbondanza si alternano tra l’essere genitori e figli e poi di nuovo padre e figlio e madre e figlia e poi fratelli, alternando inoltre il subire e il ribellarsi e difendere, scappare, tornare e farsi capire per sempre senza ritorni: insomma, vivere.

«Romanzo d’Infanzia è uno spettacolo in cui il linguaggio del teatro-danza, normalmente riservato ad un pubblico non di giovanissimi, si propone in una formula più narrativa ed immediata in modo da renderlo fruibile anche dai bambini – spiegano gli artisti -  L’infanzia è il diamante della nostra vita, è grezza e abbagliante. Si può scheggiarlo e offuscare la potenza della sua luce. E questo è male? Non so, ma fa male, molto male. […] Questo lavoro parla del disagio infantile all’interno dei rapporti primari-affettivi, della violenza fisica e psicologica che l’infanzia subisce a casa o nelle istituzioni, del delitto di non ascoltare i propri figli, di colpe senza colpevoli».

Per quanto riguarda le MODALITÀ DI INGRESSO all’Arena di Piazza Battisti, l’accesso sarà contingentato e sarà consentito solamente previo acquisto del titolo a pagamento (5 euro), acquistabile sul nostro sito presso le Casse Rurali di Trento e presso la biglietteria del Teatro Auditorium (da lunedì a venerdì, dalle 16 alle 19). La sera dello spettacolo la biglietteria rimarrà chiusa.

Si invita il pubblico a volersi presentare con congruo anticipo in ragione delle procedure di ingresso condizionate dai protocolli anti Covid-19. L’accesso verrà consentito a partire dalle ore 20.15.

Si ricorda che è obbligatorio l’utilizzo delle mascherine e il rispetto del distanziamento sociale, in ogni fase di ingresso all’Arena.

L’accesso in platea avverrà attraverso 3 varchi: Settore 1, Settore 2 e Settore 3, distinti per colore e numerazione. La numerazione del varco sarà indicata su ciascun biglietto. Una volta all’interno, lo spettatore dovrà obbligatoriamente sedersi sulle sedie di colore blu.

Si informa che tutti i posti sono al coperto. Pertanto, l’evento si terrà anche in caso di pioggia.

 

Trento, 16 luglio 2020