LOADING...

Bollani Carioca

Il nome di Stefano Bollani fa bella mostra di sé in una rosa ristretta di cinque artisti, giudicati i migliori del 2007 dalla rivista on-line "All About Jazz". E siccome la lista viene rigorosamente elencata in ordine alfabetico, il nostro pianista figura alla testa di un quintetto stellare, dove compaiono alcune icone del jazz moderno: Dave Brubeck, Ornette Coleman, Charles Mingus e Sonny Rollins. Questo è solo l’ultimo, eclatante riconoscimento per il pianista di origini toscane, che negli anni recenti ha davvero bruciato molti record. Bollani, senz’altro inorgoglito e divertito da tale onore, continua a proporsi come musicista di enorme duttilità, in grado di passare con nonchalance ma con grande competenza e intelligenza da un genere all’altro, di affrontare collaborazioni non solo con illustri jazzmen, ma pure con la Banda Osiris, con Lella Costa, con David Riondino. La sua funambolica versatilità lo porta anche a collaborare e registrare in ambito classico: recente è l’incisione del "Concert Champetre" di Poulenc. Una fantasia turbinosa e geniale, che sembra davvero galoppare a briglie sciolte, fino a cimentarsi con la scrittura di libri deliziosi, come "La sindrome di Brontolo" e "L’America di Renato Carosone".Il progetto "Carioca" nasce dal primo tour brasiliano del pianista, nel 2006, quando in occasione del Tim Festival di Rio de Janeiro e San Paolo, Bollani incontrò alcuni musicisti locali: "Mi sono lanciato nell’idea di realizzare un disco in loco, con musicisti brasiliani, basandomi sul loro repertorio. Un disco carioca, con brani di Pixinguinha, Jacob de Bandolim, Nelson Cavaquinho, Chico Buarque… Ed ecco ora il tour, con cinque tra i più grandi musicisti di quel Paese".Il disco è stato pubblicato in Italia nel 2007 e inserito in una collana distribuita dalla rivista L’espresso. Un lavoro in cui Bollani traccia con eleganza e sensibilità il proprio omaggio alla grande musica brasiliana, modellando il suo pianismo su quelle atmosfere mutevoli, scavando nelle agrodolci melodie del repertorio colto e popolare, e non tralasciando la sopraffina lezione di Stan Getz e Charlie Byrd.Stefano Bollani - pianoforteJose "Zé" Nogueira - saxMarcos Pereira - chitarraAlberto Continentino - contrabbassoJurim Moreira - batteriaArmando Marcal - percussioni

Date spettacolo

10

Marzo, 2008

Teatro Auditorium

Cerca uno spettacolo

Periodo

Teatri

Tematiche

Rassegne

Sono presenti 62 eventi

24

Ottobre, 2020

20.00

Caterina Cropelli - UploadSounds

Pergine - Teatro Comunale

25

Ottobre, 2020

20.30

TRE SORELLE

Teatro SanbàPolis Trento

27

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

27

Ottobre, 2020

20.30

l'Ateneo dei Racconti

Teatro SanbàPolis Trento

27

Ottobre, 2020

21.00

Nomad - In cammino con Bruce Chatwin

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

28

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

29

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

29

Ottobre, 2020

20.30

STORIE DI MARE E PICCOLE TERRE

Teatro Auditorium Trento

30

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

Ultime news

Rimani aggiornato sulle nostre novità