LOADING...

FINO ALL’ULTIMO GIORNO. MEMORIE SPARSE SULLA SHOAH

PER LA GIORNATA DELLA MEMORIAFINO ALL’ULTIMO GIORNO.MEMORIE SPARSE SULLA SHOAHAtto unico e regia di Renzo Fracalossiilluminotecnica e luci Amos Colliniconsulenza e trascrizione musicaleRolando Lucchiscenografie Maddalena Tomasicostumi Graziella Depedrirammentatrice Carla PedrolliOlocausto è una parola che si trova nei “Salmi”. Ma forse non è la parola più appropriata. Secondo la tradizione ebraica, l’Olocaustoha in sé un senso sacrificale che attiene più la sfera del sacro, che non quella dell’orrore. Shoah significa invece sterminio. Questa è la parola! Non si è infatti trattato di un sacrificio. Gli Ebrei che hanno popolato di dolore l’inferno del Novecento non sono diventati fumo né per i loro ideali, né per la loro fede. L’unica colpa era ed è quella di essere nati. Ed è con la voce di quelle vittime,messe in fila con le loro storie individuali, che si è provato a narrare il dramma di un tempo che è anche il nostro. Vittime un po’ particolari. Artisti, intellettuali, uomini di cultura e bambini. Rinchiusi nel “ghetto modello” di Theresienstadt/Terezin in Boemia, fino all’ultimo giorno. A quell’intellighentija e a quell’innocenza va il tentativo della parola di farsi teatro, per invitare tutti a diventare, almeno per un attimo, Ebrei universali, ovvero a capire per tramandare. Il ghetto di Terezin rappresenta una terribile particolarità nell’universo concentrazionario nazista. Nel corso di tre anni circa 150.000 ebrei respirarono l’aria di quest’antica città-fortezza a 56 km da Praga e di tutti loro ne sopravvissero solo quasi 14.000. Il ghetto venne usato dal nazismo come ghetto da esibire, quasi una funzione di rappresentanza, ovvero il luogo dove fingere che la deportazione fosse quasi dentro la normalità; dove ospitare le visite della Croce Rossa Internazionale; dove raccogliere e far esibire il meglio dell’intelletto ebraico che aveva costruito l’Europa. 20 attori, 3 musicisti kletzmer e un coro di 20 bambini che ripropone brani originali del ghetto per un racconto corale curato dal Club Armonia e dalla Scuola musicale “Il Diapason” e prodotto dal Comune di Trento, dal Centro Servizi culturali S. Chiara e dal Coordinamento Teatrale Trentino, per il “Giorno della Memoria” 2010.

Date spettacolo

22

Gennaio, 2010

Tesero - Teatro Comunale

Cerca uno spettacolo

Periodo

Teatri

Tematiche

Rassegne

Sono presenti 64 eventi

20

Ottobre, 2020

20.30

l'Ateneo dei Racconti

Teatro SanbàPolis Trento

20

Ottobre, 2020

21.00

Caravaggio

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

21

Ottobre, 2020

20.30

MMContemporary Dance Company - Duo d’Eden e Pastorale

Teatro Sociale Trento

Prima assoluta

22

Ottobre, 2020

21.00

VITTORIO SGARBI presenta CARAVAGGIO e BURRI

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

23

Ottobre, 2020

20.30

BAROCCO SACRO: GIOVANNI LEGRENZI

Trento – Chiesa di San Francesco Saverio

24

Ottobre, 2020

20.00

Caterina Cropelli - UploadSounds

Pergine - Teatro Comunale

27

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

27

Ottobre, 2020

20.30

l'Ateneo dei Racconti

Teatro SanbàPolis Trento

27

Ottobre, 2020

21.00

Nomad - In cammino con Bruce Chatwin

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

Ultime news

Rimani aggiornato sulle nostre novità