LOADING...

L’ultima radio

Un personaggio-guida, l’eccellente Tullio Solenghi, voce solitaria ormai ridotta all’emarginazione nell’etere dai network invadenti, senza più interlocutori telefonici, lancia dal microfono il suo grido di dolore prima di chiudere l’ultima trasmissione. E lo fa raccontandosi, rievocando il proprio arco di vita radiofonica, dai ’50 all’oggi.Così si viaggia a ritroso attraverso tappe in cui l’evoluzione del gusto musicale nazional-popolare, alternativo agli sdilinquimenti sanremesi, si fonde agli eventi-cardine della vita civile che coinvolgono, in bene e in male, il nostro protagonista: i dischi in vinile, la mafia assassina, lo scontro fra opposti estremismi, i tossici, mentre la radio dava voce al «paese minore». Situazioni comiche e tragiche con un finale sorridente. Nell’epoca dove regna lo share e l’auditel (genialmente sbeffeggiato dall’ultimo hit di Caparezza) il nostro omino non riesce a stare al passo, nonostante il suo programma sia bello, interessante e onesto. La sua radio deve chiudere per mancanza di fondi e di ascoltatori. Certo non ha la polemica indole del Bogosian di “Talk Radio” o l’impegno politico di Peppino Impastato, ma il suo è un programma.Il nostro intento è proprio questo, di elevare la vicenda del nostro protagonista al di là di una fenomenologia minimalista di ’fatterello’, renderla metateatrale, l’uomo è il protagonista della sua vita, del suo microcosmo, rappresenta il mondo di chi non ce la fa perché è troppo dura e se non ti sporchi le mani resti indietro.La telefonata che aspetta e che non arriva non è molto diversa da quella che aspetta la donna della Voix Humaine di Cocteau, rappresenta l’urlo disperato di tanta gente che vive una vita di speranza che non riesce a trovare il canale giusto per emergere anche un po’ dalla solitudine dalla desolazione e dalla globalizzazione imposta dal mondo occidentale.E come può dunque un piccola radio completamente auto gestita in più da una sola persona andare avanti?Troppi cavi, antenne e satelliti hanno creato una macro produzione di eventi culturali  mediatici dove una vecchia piccola Radio Libera ha una sola libertà: quella di affondare con tutta la nave nelle onde a modulazione di frequenza.La scena scarna, quasi metafisica formata da un parallelepipedo di plexiglass, musiche prese dal repertorio della vita di tutti, senza mai banalizzarne il contenuto espressivo e anzi ricercando nomi meno noti ma forse per questo più incisivi e neutrali. Produzione Procope StudioL’ULTIMA RADIOdi Sabina Negri con Tullio Solenghi regia Marcello Cotugno elaborato da Tullio Solenghi e Marcello Cotugnoscene di Carmelo Giammello colonna sonora a cura di Marcello Cotugno

Date spettacolo

26

Febbraio, 2009

Trento - Teatro Auditorium

Cerca uno spettacolo

Periodo

Teatri

Tematiche

Rassegne

Sono presenti 58 eventi

20

Ottobre, 2020

20.30

l'Ateneo dei Racconti

Teatro SanbàPolis Trento

20

Ottobre, 2020

21.00

Caravaggio

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

21

Ottobre, 2020

20.30

MMContemporary Dance Company - Duo d’Eden e Pastorale

Teatro Sociale Trento

Prima assoluta

22

Ottobre, 2020

21.00

VITTORIO SGARBI presenta CARAVAGGIO e BURRI

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

23

Ottobre, 2020

20.30

BAROCCO SACRO: GIOVANNI LEGRENZI

Trento – Chiesa di San Francesco Saverio

24

Ottobre, 2020

20.00

Caterina Cropelli - UploadSounds

Pergine - Teatro Comunale

27

Ottobre, 2020

20.30

l'Ateneo dei Racconti

Teatro SanbàPolis Trento

27

Ottobre, 2020

21.00

Nomad - In cammino con Bruce Chatwin

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

29

Ottobre, 2020

20.30

STORIE DI MARE E PICCOLE TERRE

Teatro Auditorium Trento

Ultime news

Rimani aggiornato sulle nostre novità