LOADING...

The Binchois Consort @MusicAntica

Sarà la Badia di San Lorenzo a ospitare sabato 29 ottobre secondo concerto del Festival Internazionale Trento Musicantica, organizzato dal Centro di Eccellenza     “Laurence Feininger” e dal Centro Servizi Culturali S. Chiara, giunto quest'anno alla trentesima edizione. Protagonista dell'esecuzione il prestigioso complesso vocale The   Binchois Consort diretto da Andrew Kirkman che, da oltre vent'anni, svolge un’intensa attività concertistica in Europa e negli Stati Uniti.  Il programma, presentato con il titolo «I codici musicali trentini del Quattrocento - Polifonie per i Santi», unisce composizioni dei Codici di Trento (la maggiore collezione esistente al mondo di musica quattrocentesca) con opere derivate da altri codici coevi per festeggiare Gesù Cristo e la vergine Maria con - alle due e-stremità - nozioni di lignaggio, spirituali e familiari.  Si inizia con la figura pre-cristiana del precursore: Giovanni il Battista, introdotto dalla sua antifona per definizione: Inter natos mulierum e si prosegue con il famoso inno, amato dagli appassionati di storia delle origini delle note: Ut queant   laxis. Da qui si passa, attraverso il graduale gregoriano Fuit homo, al Gloria della bella Messa basata sulla sua melodia, sorprendentemente trascurata, dato che è trasmessa nei codici trentini accanto alla grande Missa Caput, il più celebre ciclo di Messa inglese dell’epoca. Con il secondo gruppo di ascolti, si incontra l’eredità musicale quattrocentesca di invocazioni contro la peste, rappresentata da due intonazioni  dell'inno Stella celi extirpavit: la prima del compositore inglese della corte di Lancaster John Cooke, che supplica la Vergine per la liberazione dalla terribile malattia, e la seconda di Guillaume le Rouge, celebre cantore nella cappella di Charles d'Orléans. Tra le due intonazioni sa-rà presentato un movimento dalla Messa sulla canzone So ys emprentid di John Be-dyngham o Walter Frye, che è legata al mottetto Stella celi all’interno di un ciclo ‘Mes-sa-Mottetto’. Infine, dopo l’introito Salve sancta parens in canto gregoriano, sarà per-seguito questo legame tra l’inno contro la peste e la chanson attraverso un Kyrie frammentario di un’altra Messa sulla stessa chanson, identificato da Brian Trowell e ricostruito qui da Trowell e Philip Weller. L’Eucarestia riceve il suo omaggio musicale in due pezzi poco conosciuti dei codici di Trento basati sull’antifona delle Lodi per il Corpus Christi ‘Homo quidam’, cui segue il contrafactum di O rosa bella di Bedyngham con il testo   dell’inno all’elevazione O quam suavis. Dopo la sequenza di Pasqua dedicata alla vittima pasquale stessa, presentata nella versione presente in Trento 92, si finisce la prima metà del programma con un cenno nella direzione di San Giovanni, il proto-Battista che indicò Dio stesso come Agnello: una caratterizzazione di Cristo celebrato, come in questo caso, nell’Agnus dei del ciclo della  Messa Fuit homo. La seconda parte del programma si concentra esclusivamente sulla Vergine, dapprima tramite la sua Annunciazione, in due composizioni polifoniche, cia-scuna introdotta dal canto gregoriano. Questa è l’occasione per presentare un’altra se-quenza polifonica dai codici di Trento: la bella antifona Ave Maria, virgo serena, im-mortalata dalla famosa versione di Josquin. Il gruppo si chiude con il saluto di Dunsta-ple per l’Annunziata: Gaude virgo salutata, un mottetto isoritmico finemente costrui-to. Mentre rimangono nei manoscritti musicali quattrocenteschi numerose  testi-monianze sullo stato originario della canzone O rosa bella, la ballade che sta alla base della breve composizione sull’Albero di Jesse con cui inizia il gruppo di chiusura non è nota. Nel celebrare la madre apocrifa della Vergine, il mottetto di Plummer Anna ma-ter matris Christi, il cui organico comporta insolitamente tre tenori di uguale tessitu-ra, è un lavoro coinvolgente e complesso di questo precursore dello stile dell’Eton Choirbook. Anche se l’incertezza ancora circonda l’origine del canto che è alla base del-la Messa Flos regalis di Frye, il suo testo è inequivocabile: nell’elogio al ‘regale fiore virginale’ e alla ‘regale stirpe di Jesse’, ma anche nel suo riferimento inusuale alla Ver-gine come ‘capo del coro’, tocca una nota insolitamente appropriata con cui si conclu-derà il concerto. Sabato 29 ottobre il pubblico potrà accedere alla Badia di San Lorenzo (a Trento in Piazza Dante, accanto alla stazione ferroviaria) dove l'esibizione del  The Binchois Consort avrà inizio alle ore 21.00. Diretti da Andrew Kirkman, saranno in concerto David Allsopp, Mark Chambers, Dominic Bland, Nick   Madden, Alastair Putt e Matthew Vine.

Date spettacolo

29

Ottobre, 2016

Trento - Badia di San Lorenzo

Cerca uno spettacolo

Periodo

Teatri

Tematiche

Rassegne

Sono presenti 58 eventi

28

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

ANNULLATO

29

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

ANNULLATO

29

Ottobre, 2020

20.30

STORIE DI MARE E PICCOLE TERRE

Teatro Auditorium Trento

ANNULLATO

30

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

ANNULLATO

30

Ottobre, 2020

20.30

IL TEATRO ALLA MODA DI BENEDETTO MARCELLO

Trento - castello del Buonconsiglio

ANNULLATO

30

Ottobre, 2020

20.30

STORIE DI MARE E PICCOLE TERRE

Teatro Auditorium Trento

ANNULLATO

31

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

ANNULLATO

31

Ottobre, 2020

20.30

STORIE DI MARE E PICCOLE TERRE

Teatro Auditorium Trento

ANNULLATO

05

Novembre, 2020

20.30

ROMEO E GIULIETTA - Una canzone d'amore

Teatro Sociale Trento

ANNULLATO

06

Novembre, 2020

20.30

ROMEO E GIULIETTA - Una canzone d'amore

Teatro Sociale Trento

ANNULLATO

Ultime news

Rimani aggiornato sulle nostre novità