LOADING...

WHAT THE BODY DOES NOT REMEMBER

È stata la sua ‘opera prima’ a soli ventiquattro anni per la compagnia Ultima Vez e con alle spalle la sola esperienza artistica di interprete per il polisemico Jan Fabre. What the Body Does Not Remember, spettacolo del 1987, che è valso al coreografo fiammingo Wim Vandekeybus il Bessie Award, il prestigioso premio newyorkese della arti sceniche, ha segnato non soltanto la strada a venire dell’autore, bensì quella della storia della danza che ha trovato in lui un innovatore del movimento, gettato con forza nella sfera del ‘tutto è possibile’. Sperimentatore che attraversa il corpo come il video, il cinema e la fotografia, che passa da lavori molto musicali con nieuwZwart a intimi assoli di un uomo davanti a un film (Monkey Sandwich), all’analisi corale della mitologia (Oedipus/Bêt noir) o al concetto di scatto fotografico (booty Looting), “modo privilegiato - sostiene - di fissare la forma”, Vandekeybus ha creato un genere unico e riconoscibilissimo, i cui riverberi si vedono ancora nelle generazioni successive. Fisicità spinta all’estremo con prese e cadute ai limiti del rischio, messa in scena adrenalinica, sfrenata, debordante che si confronta con scenari multidisciplinari e musiche originali sviluppate in sala prove parallelamente al movimento a firma dei coevi Peter Vermeersch, Thierry De Mey, David Byrne, Marc Ribot. Non deve stupire dunque che Vandekeybus sia voluto tornare alle origini - in linea con molti autori della sua generazione che hanno rimontato pezzi storici - facendo rinascere con un nuovo cast questo lavoro d’esordio a distanza di oltre cinque lustri.  In What the Body Does Not Remember (Ciò che il corpo non ricorda) c’è in nuce tutta la sua poetica: le dinamiche di coppia e di gruppo oscillanti tra attrazione e repulsione, la tensione continua verso l’incerto, il confronto del corpo con la musica, il mistero della vita come percorso temporale tra nascita e morte, l’audace uso degli oggetti che genera consapevolezza del rischio. Ad interessarlo - spiega - è sempre “l’intensità del momento in cui non hai scelta, quando sono gli eventi a decidere per te, come nell’innamoramento o nell’attimo prima di un accadimento imprevisto. Una sfida paradossale considerato che l’evento teatrale è ripetibile e controllabile. Ma forse, quando tutto è stato detto e fatto, il corpo non ricorda più gli eventi accaduti e rimane soltanto la sottile illusione della mancanza, che aiuta a definire e a esaurire il gioco”. Direzione, coreografia e scenografia Wim Vandekeybus Compagnia Ultima Vez (Belgio) Musiche Thierry De Mey & Peter Vermeersch Direttore delle prove Eduardo Torroja Costumista Isabelle Lhoas  Assistente costumista Frédérick Denis Coordinatore tecnico Davy Deschepper Luci Francis Gahide Danzatori Germán Jauregui Allue, Jorge Jauregui Allue o Damien Chapelle, Livia Balazova, Maria Kolegova, Tanja Marín Friðjónsdóttir, Zebastián Méndez Marín, Pavel Mašek, Eddie Oroyan, Aymara Parola  Coprodotto da KVS Con il supporto di Charleroi Danses, Centre Chorégraphique de la Fédération Wallonie-Bruxelles Ringraziamenti Louise De Neef, Benjamin Dandoy Durata 80’ www.ultimavez.com Per la produzione originale del 1987 Direzione Wim Vandekeybus Musiche Thierry De Mey & Peter Vermeersch Musicista Maximalist! Assistente di direzione Eduardo Torroja Assistente generale Octavio Iturbe Stage manager Pascal Joris Danzatori Charo Calvo, Marian Del Valle, Yves Delattre, Patrick Dieleman, Maria Icaza, Dorothée Morel, Caroline Rottier, Simone Sandroni, Eduardo Torroja, Wim Vandekeybus e con Nicolas Crow, Muriel Hérault Produzione Ultima Vez, Louise De Neef e Nadia Cornelis Coprodotto da Centro di Produzione Inteatro Polverigi, Festival de Saint-Denis, Festival d''Eté de Seine-Maritime, Toneelschuur Produkties Haarlem Con il supporto di Vlaams Theater Circuit La fotografia a lato è di WTB©DannyWillems   Maggiori info

Date spettacolo

05

Settembre, 2014

Trento - Teatro Sociale

Cerca uno spettacolo

Periodo

Teatri

Tematiche

Rassegne

Sono presenti 62 eventi

24

Ottobre, 2020

20.00

Caterina Cropelli - UploadSounds

Pergine - Teatro Comunale

25

Ottobre, 2020

20.30

TRE SORELLE

Teatro SanbàPolis Trento

27

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

27

Ottobre, 2020

20.30

l'Ateneo dei Racconti

Teatro SanbàPolis Trento

27

Ottobre, 2020

21.00

Nomad - In cammino con Bruce Chatwin

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

28

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

29

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

29

Ottobre, 2020

20.30

STORIE DI MARE E PICCOLE TERRE

Teatro Auditorium Trento

30

Ottobre, 2020

alle 17.30, 18.30, 19.30, 20.30 e 21.30

TAPPA 1 - LE COSE FALSE

Spazio archeologico

Ultime news

Rimani aggiornato sulle nostre novità