LOADING...

Giancarlo Schiaffini ’’Phantabrass’’ dedicated to George Gershwin

Il modello di riferimento di questo progetto nato dalla fervida fantasia del trombonista Giancarlo Schiaffini è la Brass Fantasy di Lester Bowie, vulcanico trombettista degli Art Ensemble of Chicago, scomparso prematuramente nel 1999. Come nel caso di quella band, Phantabrass basa il proprio organico sulla presenza massiccia degli ottoni: ben nove strumenti, con trombe, flicorni, tromboni, corno francese, euphonium e basso tuba, cui si uniscono contrabbasso, batteria e la voce di Silvia Schiavoni. L’orchestra, nata nel 2005, si rivolge però anche ad altri ambiti culturali, come un grosso giocattolo in grado di soddisfare le curiosità ampie e gli appetiti esigenti del leader. Nelle scelte stilistiche ed espressive si spazia così dal dixieland allo swing delle big band, dal be-bop degli anni Quaranta al free jazz, che è stato e rimane uno dei maggiori punti di riferimento di Schiaffini. Ma c’è anche la musica colta contemporanea, con la quale il trombonista ha avuto spesso intensi e prolifici contatti, studiando a Darmstadt nel 1970 con Karlheinz Stockhausen, György Ligeti, Vinko Globokar, e lavorando insieme a John Cage, Luigi Nono, Giacinto Scelsi. Nel mondo di Schiaffini non manca la trasparente, intensa polifonia della musica rinascimentale, praticata dal trombonista con il Gruppo Romano di Ottoni, da lui fondato nel 1975.Insieme al trombone di Schiaffini, che brilla per la sorprendente versatilità, per il controllo tecnico, per la varietà di spunti espressivi, nell’organico di Phantabrass figurano altri solisti degni di attenzione, che con il leader condividono un’impostazione libertaria, aperta alle esperienze musicali più ampie, alle avventure più ardue e affascinanti. Spiccano i nomi del trombettista Alberto Mandarini, già componente dell’Orchestra Sinfonica della Rai e della Italian Instabile Orchestra; del solista di corno Martin Mayes, membro della European Orchestra di Cecil Taylor e del Revolving Ensemble di John Lindberg; dei trombonisti Sebi Tramontana e Lauro Rossi; del trombonista e solista di tuba Beppe Caruso. Il programma del concerto è dedicato a George Gershwin, che non cessa di rappresentare una fonte ricchissima di stimolo e ispirazione per tutti i musicisti jazz.Giancarlo Schiaffini - direzione e tromboneLuca Calabrese - tromba e flicornoFlavio Davanzo - trombaalberto Mandarini - tromba e flicornoMartin Mayes - cornoLuca Rossi - trombone Giampiero Malfatto - euphoniumBeppe Caruso - basso tubaGiovanni Maier - contrabbassoU.T. Gandhi - batteriaSilvia Schiavoni - voce

Date spettacolo

01

Aprile, 2008

Teatro Auditorium

Cerca uno spettacolo

Periodo

Teatri

Tematiche

Rassegne

Sono presenti 57 eventi

18

Febbraio, 2020

20.30

NUOVO BallettO di ToscanA in CENERENTOLA

Teatro Comunale di Bolzano

18

Febbraio, 2020

21.00

LE CREATURE DI ANDREA

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

19

Febbraio, 2020

9.15 e 11.15

IN THE WEB

Teatro Benvenuto Cuminetti Trento

20

Febbraio, 2020

20.30

Libri da ardere

Teatro Sociale Trento

20

Febbraio, 2020

20.45

GERSHWIN SUITE / SCHUBERT FRAMES

Teatro Comunale - Pergine

21

Febbraio, 2020

17.30

Foyer grande prosa - Libri da ardere

Sala Proclemer teatro Sociale

21

Febbraio, 2020

20.30

Libri da ardere

Teatro Sociale Trento

21

Febbraio, 2020

21.00

LOVE POEMS

Teatro Cles

22

Febbraio, 2020

20.30

Libri da ardere

Teatro Sociale Trento

22

Febbraio, 2020

20.30

VIA PACIS - concert

Teatro Benvenuto Cuminetti Trento

Ultime news

Rimani aggiornato sulle nostre novità