LOADING...

DA QUI ALLA LUNA

Riservato Scuole

E’ il mese di ottobre del 2018 quando la tempesta “Vaia” devasta le Alpi orientali spazzando via 16 milioni di alberi, che, messi in fila uno dopo l’altro, coprirebbero grosso modo la distanza che ci separa dalla luna. Lo scrittore Matteo Righetto, ricostruisce con precisione i fatti in una sorta di delicatissimo requiem per una montagna violentata e abbandonata. Un racconto corale che ci fa rivivere senza retorica l’orrore di quei giorni attraverso lo sguardo degli abitanti delle vallate bellunesi: il muratore Silvestro, Paolo, un giovane studente e la vecchissima Agata. Il regista Giorgio Sangati affida all’ironia e all’umanità di Andrea Pennacchi il racconto di questo immane disastro naturale, creando una narrazione a più voci che ci ricorda quanto sia fragile il pianeta in cui viviamo. La parte musicale è affidata alle musiche originali di Giorgio Gobbo e Carlo Carcano che ne hanno curato anche la drammaturgia.
 
Note di regia
Fine ottobre 2018, la tempesta “Vaia” devasta le Alpi orientali spazzando via 16 milioni di alberi, che, messi in fila uno dopo l’altro, coprirebbero grosso modo la distanza che ci separa dalla luna. Matteo Righetto, ricostruisce con precisione i fatti in una sorta didelicatissimo requiem per una montagna violentata e abbandonata. E’ un racconto corale che ci fa rivivere senza retorica l’orrore di quei giorni attraverso lo sguardo degli abitanti delle vallate bellunesi: il muratore Silvestro, Paolo, un giovane studente e la vecchissima Agata. A dare voce e corpo ai protagonisti di questa storia il talento di Andrea Pennacchi, con la sua ironia e la sua umanità, accompagnato dalle musiche evocative di Giorgio Gobbo alla chitarra. Se l’attualità del testo è evidente lo spettacolo ci porta a riflettere più in generale sul nostro rapporto con la natura, un legame spezzato ormai da tempo, che ci conviene recuperare se non vogliamo distruggere il nostro stesso futuro.
Giorgio Sangati

Nota al testo
Da qui alla luna è stato pensato e scritto immediatamente dopo il disastro ambientale che alla fine di ottobre del 2018 ha colpito le Alpi nord orientali. Tale evento catastrofico, che è riuscito a vincere la millenaria resilienza delle nostre conifere, ha suscitato nella sensibilità dell’autore il desiderio di raccontare, attraverso un intreccio drammaturgico sviluppato in tre monologhi, un tema urgente e improcrastinabile, quello del cambiamenti climatici. “Le immagini sepolcrali di quell’infinità di alberi schiantati al suolo, stesi come cadaveri, si sono fissate nei mie occhi e lì rimarranno per anni”, ha affermato Righetto. Il risultato è un testo potente che, tra teatro civile e teatro di narrazione, tra drammaticità e ironia, scava negli animi umani di chi tale tragedia l’ha vissuta a proprie spese, con la consapevolezza che dopo quel fatto niente sarà più come prima. Né lassù, né altrove. Perché il collasso climatico riguarda tutti, è un problema globale che colpisce però localmente, ovunque. Per decenni quei boschi non esisteranno più, insieme a una parte del nostro vissuto, della nostra memoria, della nostra storia individuale e collettiva. Perché potremmo anche misurare tale disastro in metri cubi di legna, in ettari e in tonnellate, ma tutto ciò non avrebbe senso, perché la realtà è che da quella notte di fine ottobre abbiamo paradossalmente perso tutti una parte della nostra anima. Sin dagli albori della civiltà infatti, la storia dell’uomo si è sempre intrecciata con quella dei boschi e delle foreste in una sorta di dialogo ecologico costante ed eterno. E per l’autore, a cento anni esatti dalla fine della Grande Guerra, quegli abeti divelti e schiantati rappresentano i caduti di un nuovo conflitto mondiale: una guerra “ambientale” che dimostra quanto la montagna, la nostra montagna apparentemente inscalfibile, sia in verità fragile ed esposta ai peggiori pericoli, esattamente come l’uomo contemporaneo che tuttavia si crede invincibile. Come se quegli abeti rossi fossimo noi. Uno a uno. Atterrati e stesi per sempre.
Matteo Righetto
 
DA QUI ALLA LUNA
di Matteo Righetto
con Andrea Pennacchi, Giorgio Gobbo
e con l’Orchestra del Conservatorio Bonporti di Trento e Riva del Garda
diretta da Carlo Carcano
regia Giorgio Sangati
musiche originali e drammaturgia musicale di Carlo Carcano e Giorgio Gobbo
musiche orchestrali di Carlo Carcano
assistente alla regia Nicolò Sordo
scene: Alberto Nonnato
luci Paolo Pollo Rodighiero
collaborazione costumi Barbara Odorizzi
PRODUZIONE TEATRO BOXER

 

Dove si svolge l'evento

Date spettacolo

27

Ottobre, 2023

10.00

Cerca uno spettacolo

Periodo

Teatri

Tematiche

Stagioni

Sono presenti 89 eventi

20

Febbraio, 2024

9.00 e 11.00

MOZTRI!

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

Riservato alle scuole

20

Febbraio, 2024

17.30

DONNE DI POTERE

Trento - Villa Romana di Orfeo

20

Febbraio, 2024

20.30

GIULIETTA E ROMEO - Balletto di Roma

Bolzano - Teatro Comunale

20

Febbraio, 2024

21.00

FRATELLO E SORELLA di Arnaud Desplechin

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

20

Febbraio, 2024

21.00

PAOLO CEVOLI - Andavo ai 100 all’ora

Teatro Auditorium Trento

21

Febbraio, 2024

19.00

La bohème

Teatro Sociale Trento

21

Febbraio, 2024

20.30

ORAZIO | Paolo Mazzarelli

Bolzano - Teatro Comunale

21

Febbraio, 2024

21.00

UMBERTO GALIMBERTI - L’Etica del Viandante

Teatro Auditorium Trento

22

Febbraio, 2024

GIORGIA FUMO - Vita bassa

Teatro Auditorium Trento

22

Febbraio, 2024

19.00

La bohème

Teatro Sociale Trento

22

Febbraio, 2024

20.30

PITECUS | Rezza Mastrella

Teatro SanbàPolis Trento

23

Febbraio, 2024

20.30

HYBRIS | Rezza Mastrella

Teatro SanbàPolis Trento

23

Febbraio, 2024

21.00

NEVERLAND - L’isola che non c'è - Il Musical

Teatro Auditorium Trento

24

Febbraio, 2024

21.00

BASEMENT Mall Grab + Zenker Brothers

Teatro SanbàPolis Trento

25

Febbraio, 2024

16.00

COLORS

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

25

Febbraio, 2024

20.30

HUMANS 2.0|C!rca

Teatro Auditorium Trento

26

Febbraio, 2024

21.00

Swans + Maria W Horn

Teatro Auditorium Trento

27

Febbraio, 2024

9.00 e 11.00

+ERBA

Teatro SanbàPolis Trento

Riservato alle scuole

27

Febbraio, 2024

20.30

L’ETERNO MARITO | Claudio Autelli

Teatro Benvenuto Cuminetti Trento

27

Febbraio, 2024

20.30

HUMANS 2.0 | Circa

Bolzano - Teatro Comunale

27

Febbraio, 2024

20.30

DE GASPERI: L’EUROPA BRUCIA

Teatro Sociale Trento

27

Febbraio, 2024

20.30

TRAPPOLA PER TOPI con ETTORE BASSI

Teatro Auditorium Trento

27

Febbraio, 2024

21.00

RISPET di Cecilia Bozza

Auditorium Fausto Melotti Rovereto

28

Febbraio, 2024

20.30

DE GASPERI: L’EUROPA BRUCIA

Teatro Sociale Trento

28

Febbraio, 2024

20.30

TRAPPOLA PER TOPI con ETTORE BASSI

Teatro Auditorium Trento

29

Febbraio, 2024

20.30

LA MADRE

Teatro Sociale Trento

29

Febbraio, 2024

21.00

ELEAZARO - Grande figlio di p***a

Teatro Auditorium Trento

01

Marzo, 2024

17.30

Foyer del Teatro - LA MADRE

Teatro Sociale Trento

01

Marzo, 2024

20.30

LA MADRE

Teatro Sociale Trento

01

Marzo, 2024

21.00

MAX ANGIONI - Anche Meno

Teatro Auditorium Trento

dettagli

sold out

02

Marzo, 2024

18.00

LA MADRE

Teatro Sociale Trento

02

Marzo, 2024

21.00

MAX ANGIONI - Anche Meno

Teatro Auditorium Trento

dettagli

sold out

03

Marzo, 2024

9.15

Coccole di Fiati - Orchestra Haydn

Trento - Castello del Buonconsiglio

03

Marzo, 2024

11.00

Coccole di Fiati - Orchestra Haydn

Trento - Castello del Buonconsiglio

Ultime news

Rimani aggiornato sulle nostre novità